Blog

Come installare il sistema operativo su ssd

Come installare il sistema operativo su ssd

Per installare un sistema operativo su di un SSD ci vuole soltanto un po’ di tempo, uno dei migliori SSD abbastanza capiente (su quelle con poco spazio, difatti, il sistema operativo potrebbe non installarsi affatto), un programma che aiuti a svolgere l’intera operazione (come AOMEI Backupper) e un pochino di pazienza. Alla fine dei conti, si riuscirà senz’altro a installare il sistema operativo sull’unità SSD di destinazione… a patto di non sbagliare nulla. E affinché questo non accada e il tutto venga portato a termine correttamente, abbiamo pensato di aiutarvi con una breve guida in merito ciò che bisogna fare.

Perché l’SSD e non l’Hard Disk?

Il dualismo tra le unità SSD e i vecchi Hard Disk esiste già da un po’ di tempo, tuttavia second noi si tratta di quei confronti alla Davide contro Golia. Il fatto che nel tempo le unità SSD si sono mostrate molto più affidabili e sicure, nonché più veloci rispetto agli Hard Disk. Questi, a loro volta, sembrano destinati all’oblio. Effettuare l’installazione di Windows su di un’unità SSD piuttosto che su di un Hard Disk sembra, in effetti, un’ottima idea considerando il tutto.

Specialmente perché collegando poi l’SSD al PC il sistema operativo s’installerà molto più velocemente e le unità SSD stesse funzionano in una maniera decisamente migliore. Lo scoglio principale dell’intera questione riguarda il come effettuare quel spostamento. Non è difficile e specialmente avendo a disposizione i giusti strumenti è possibile eseguire la clonazione in pochi attimi. Ciononostante, bisognerà comunque prestare una certa attenzione alla cosa, per non rischiare di fare degli errori e rifare tutta l’operazione da capo.

I benefici dell’installazione di un sistema operativo su di un’unità SSD

Installando un sistema operativo su di un’unità SSD è possibile prevenire una vasta gamma di problemi successivi, quando si renderebbe necessaria l’installazione del sistema operativo stesso. Avere a portata di mano l’immagine di un sistema operativo come Windows, del resto, è sempre molto comodo considerando il tutto. Se poi si pensa anche alla possibilità di eseguire l’installazione in una maniera alquanto veloce, gli eventuali dubbi vengono meno.

Ma perché scegliere l’unità SSD e non il classico Hard Disk? Oltre ai vari vantaggi che abbiamo già citato prima, ci sono anche altri fattori da tenere in considerazione. L’unità SSD ha una portabilità migliorata: può essere portata praticamente ovunque e collegata alla stragrande maggioranza dei computer. Tutto ciò che serve è semplicemente l’apposito cavo.

In alternativa è pur sempre possibile installare l’unità SSD fisicamente nel dispositivo, ma per farlo occorre decisamente più tempo e anche un’attenzione maggiore, considerando che non è affatto così facile come potrebbe sembrare. Certo, non è nemmeno del tutto impossibile, ma bisogna comunque saperlo fare almeno un pò per non rischiare di causare danni ed errori di vario genere a tutto il sistema. Per il resto, i vantaggi derivanti dall’utilizzo di un’unità SSD sono già stati spiegati e non occorrono certamente altri approfondimenti.

Detto questo, vediamo anche di capire cosa bisogna fare per installare il sistema operativo su SSD.

Come installare il sistema operativo su ssd

Passo 1: preparare l’unità SSD

Prima ancora d’installarci il sistema operativo bisogna preparare l’unità SSD. Per farlo basta semplicemente pulirla dai residui di eventuali file, programmi, video, immagini e tutto il resto, in modo che lo spazio sia sufficiente. Lo spazio complessivo occupato dal sistema operativo dev’essere inferiore a quello dell’unità SSD. Alcuni esperti, inoltre, consigliano di far sì che l’unità SSD di destinazione abbia addirittura qualche GB in più per avere lo spazio sufficiente al salvataggio degli eventuali file del sistema.

Passo 2: software

Fatto questo bisogna munirsi di un software, come abbiamo già spiegato prima. Tra le soluzioni migliori sotto questo punto di vista spicca l’AOMEI Backupper. Si tratta di un programma che esiste in due versioni, tra cui una del tutto gratuita e una a pagamento, in quanto include delle opzioni più avanzate.

Usando un programma di questo genere eseguire lo spostamento diventa davvero facile. Tutto ciò che serve è semplicemente selezionare il disco di destinazione e clonarci l’immagine del sistema operativo. Il tutto avverrà in maniera automatica, senza la necessità di eseguire altri interventi. La persona che esegue il tutto dovrà unicamente attendere che il processo venga portato a termine correttamente. Per tutto il resto sarà il programma stesso a occuparsi di guidare l’utente passo dopo passo.

La copia del sistema operativo sull’unità SSD richiede, in genere, solo qualche minuto. Ovviamente, la cosa dipende dalle capacità dell’unità SSD stessa, dalla presenza di vari errori e così via. Ma in genere non si tratta di un’operazione troppo duratura, né complicata. E una volta che il sistema operativo è stato installato correttamente, si potrà procedere oltre: in quel momento si potrà installare Windows o un qualsiasi altro sistema operativo su di un qualsiasi altro computer semplicemente collegando l’SSD allo stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *